20 Settembre 2021

Tiffany & Co. avrà un nuovo team dirigenziale dopo l’acquisizione da parte di LVMH

Il rampollo del conglomerato di lusso francese, LVMH è destinato a guidare la nuova acquisizione di Tiffany & Co. con il responsabile delle attività commerciali globali di Louis Vuitton. Alexandre Arnault, il secondogenito del miliardario Bernard Arnault, è già CEO del marchio di valigie Rimowa e insieme a lui c’è Anthony Ledru che ha avuto una vasta esperienza nella gestione di marchi di gioielli come Cartier e Harry Winston prima di entrare a far parte dell’azienda. Il fondatore di LVMH, Bernard Arnault, per molte occasioni ha nominato i suoi figli a posizioni di vertice all’interno dell’azienda; Antoine è a capo di Berluti e della divisione immagine e comunicazione dell’azienda; Sua figlia, Delphine, come vicepresidente esecutivo di Louis Vuitton, mentre un altro figlio, Frederic, guida Tag Heuer.

Alexandre Arnault, 28 anni, ha fatto notizia nel settore del lusso quando è stato nominato CEO di Rimowa nel 2017 dopo aver svolto un ruolo fondamentale nella decisione di LVMH di acquistare una quota dell’80% del marchio di valigie tedesco – aveva solo 24 anni quando è avvenuto l’affare – rendendo questa la prima acquisizione che l’azienda ha fatto in Germania. Nonostante l’attuale economia stagnante, Rimowa, sotto Alexandre Arnault, ha aperto nuovi negozi con una concentrazione in Asia, in particolare in Cina. Solo nel 2020 sono stati aperti sei nuovi negozi in Cina, quattro in Corea del Sud e due in Thailandia e Taiwan ciascuno. Arnault sta portando nuove prospettive sia a Rimowa che alla sua società madre, LVMH e ora aggiungendo Tiffany & Co. al suo profilo, sarebbe interessante vedere come guiderà il gioielliere americano.

La strada per ottenere un accordo tra LVMH e Tiffany & Co. non è stata facile considerando quanto è stato fatto avanti e indietro. Sono state intentate cause legali tra le due società, si sono svolte trattative e poi finalmente è stato concordato un accordo lo scorso dicembre e il gioielliere statunitense è stato acquistato per 16 miliardi di dollari – la più grande transazione da effettuare nel settore.